Cedesi #2 – Petit bazar Pane e sharing

Venghino signori venghino, dopo aver piazzato un computer, il portachampagne e il cappello da gran muftì (così richiesto da non riuscire nemmeno a rientrare nel listino) il bazar Pane e Sharing offre altre due occasioni ai fortunati lettori.

Numero 1 Minipimer della Guzzini ancora perfettamente funzionante.
IMG_1926
Questo, a dire il vero, ve la offre la mia amica Tatiana, che  – avendone un altro – me lo  imprestò nell’anno di grazia 2008 quando mi tolsero un dente del giudizio, per poi vederselo usucapito fino a dimenticare di possederlo.
Non temete: non rivendicherà alcun diritto sull’oggetto perché le ho chiesto il permesso di donarlo alla collettività, e l’ho ricevuto.
(Scambio di sms: Posso regalare il tuo minipimer? Il mio che? Minipimer, me lo hai dato due lustri fa! Non capisco la parola, mandami una foto).

 

Numero 2, videoregistratore ancora perfetto e quasi nuovo – quasi nuovo rispetto all’epoca in cui ancora i videoregistratori si usavano, va da sé.

IMG_1927L’ho comprato nel 2001, quando universitaria passavo le notti a vedere la Trilogia della Città di Wim Wenders: dopo due anni, però, feci la mia prima connessione flat a Internet ed entrai nel magico mondo di quelli che il www è il 139esimo articolo della Costituzione; i nastri Vhs andarono definitivamente in soffitta di lì a poco, ancorché io abbia conservato tutti i miei (non so dove, ma so che ci sono).
Sul videoregistratore infatti c’è una clausola: se un domani volessi utilizzarlo per rivedere qualcosa – per esempio le videocassette del mio Erasmus – lo potrò fare.
Già vi vedo che storcete il naso: ci vuoi dare un videoregistratore e metti anche le condizioni. Bè, ragazzi, se avessi una casa grande io me lo terrei, anche solo come ricordo di un passato recentissimo e spazzato via senza che ne conservassimo quasi memoria. Solo che non ho una casa grande. Anzi, quasi non ho una casa tout court.